Foggia Foggia

Foggia Foggia

Bari – Murgia

Bari capoluogo della Puglia, nota per le reliquie di San Nicola, per i rapporti con la Chiesa Ortodossa in Occidente, per il teatro Petruzzelli, per la Fiera del levante e per le industrie fra cui Magneti Marelli, Bosch e Getrag . Non smentisce la sua vocazione mercantile di commercio e dei contatti con l’Est Europa ed il Medio Oriente. Da gustare le orecchiette con le cime di rape o al sugo di carne.
Acquaviva delle FontiNota per la cattedrale di Sant’Eustachio, di stile rinascimentale e per la Cassarmonica in cemento.
Turi è nota per essere stata luogo di detenzione di Antonio Gramsci e Sandro Pertini. Leader nella produzione delle Ciliegia Ferrovia la cui sagra si celebre il secondo fine settimana di giugno.
Castellana Grotte è conosciuta per le Grotte di Castellana che sorgono a meno di 500 metri dall’abitato formatesi cento milioni di anni fa. La visita turistica è di un 1 km. O l’itinerario più lungo, di 3 km, tra caverne e voragini costellate da splendide concrezioni stalattitiche e stalagmitiche e da gallerie intercalate da caverne.

Polignano a Mare dal 2008 Bandiera Blu (per le acque di balneazione e la pulizia delle spiagge e degli approdi turistici) le cui grotte marine sono d’interesse naturalistico; nel centro storico, fra i resti della dominazione romana, il ponte della via Traiana. Città natale dell’attore e cantautore Domenico Modugno interprete della celebre canzone Nel blu dipinto di blu . Monopoli è anche detta la città delle cento contrade. L’agro infatti è diviso in varie località denominate contrade, i cui toponimi rievocano antichi casali scomparsi, la presenza di una masseria, di una chiesa o altri riferimenti storico-geografici. Interessante la Chiesa rupestre di San Giorgio. Fasano, nota come la ”Città dell’ Olio”, ha un’area che si estende sino al mare comprendendo Egnazia (antica città pugliese dei peucezi sede di manifatture di ceramiche del IV e III secolo a.C.), uno dei più interessanti siti archeologici della Puglia. Il territorio è ricco di masserie
espressione di un’organizzazione geo-economica legata al Latifondo (grande proprietà terriera), una caratteristica importante delle masserie fasanesi è il frantoio-trappeto di tipo ipogèo, completamente scavato nella roccia. Fra le attrazioni del posto: lo Zoo safari Fasanolandia, la Selva, il mare, diversi hotel a cinque stelle lusso od anche semplici Bed and breakfast.
Alberobello al centro della Valle d’Itria e della Terra dei Trulli celebre per le sue caratteristiche abitazioni chiamate trulli che, dal 1996,sono patrimonio della
umanità dell’UNESCO. Fra i trulli, costruzioni di pietra a secco (senza malte) spiccano il “siamese” ed il “sovrano” il più grande del paese, a due piani, è adibito a museo ed è visitabile. Altamura, qui è prodotto il pane DOP, tipico nella sua forma (il primo in Europa col marchio DOP nella categoria merceologica Panetteria e prodotti da forno.). Il monumento principale è la cattedrale di Santa Maria Assunta, esempio di Romanico pugliese, stile gotico (secolo XIII), notorieto il ritrovamento di interesse mondiale dell’Uomo di Altamura, nel sistema di grotte del pulo di “Lamalunga”: uno scheletro quasi integro (unico al mondo) di Homo arcaicus. Esso costituisce il reperto più interessante di un giacimento piuttosto vasto e complesso comprendente resti ossei sia di ominidi vissuti 200-300 000 anni fa’

GARGANO

Vieste più volte insignita della Bandiera Blu dalla Foundation for Environmental Education. A sud si erge un monolite alto circa 25 metri chiamato Pizzomunno che è il simbolo della cittadina garganica. Durante la festa di S. Giorgio, viene effettuata la corsa di cavalli, sulla spiaggia di Pizzomunno Diffuso è l’allevamento della capra garganica e di mucche podoliche (da cui il rinomato caciocavallo).Monte Sant’Angelo bene dell‘UNESCO è meta di pellegrinaggi cristiani sin dal VI secolo. E’ il centro abitato più elevato della Puglia (796 m s.l.m.)  e fa parte della schiera dei più autorevoli Beni Culturali del mondo e cioè nella World Heritage List. La National Geographic Society ha riconosciuto la Grotta di San Michele Arcangelo come una delle grotte più belle del mondo. (ottava fra le prime dieci al mondo).Foggia (Gemellata con Göppingen) importante centro agricolo e commerciale, sede della Fiera Internazionale dell’Agricoltura e della Zootecnia. Risiedono diverse industrie operanti in vari settori: alimentare, tessile, chimico e di produzione dei materiali da costruzione. Città universitaria, centro di antiche tradizioni agricole e mercantili, trovandosi al centro della seconda pianura più grande d’Italia

San Severo per i vari monumenti significativi monumenti è riconosciuta città d’arte. Il borgo antico conserva il labirintico sistema stradale medievale, su cui si ergono imponenti alcuni campanili con le guglie maiolicate, è ricco di monumenti barocchi, come i tanti palazzi signorili, i grandi monasteri e scenografiche chiese. La Sagra dell’uva, e del vino novello, si tiene nel centro storico della città per diversi giorni intorno all’11 novembre, con spettacoli vari e degustazione della eno-gastronomia locale San Marco in Lamis nota la tradizionale Processione delle “fracchie”, del venerdì Santo. Le fracchie sono delle enormi fiaccole, realizzate con grossi tronchi di albero aperti longitudinalmente a forma di cono e riempiti di legna, per essere incendiate all’imbrunire e divenire quindi dei falò ambulanti che illuminano il cammino della Madonna Addolorata lungo le strade del paese. San Giovanni Rotondo è il paese che ha dato i natali a Michele Pirro, pilota Ducati della MotoGP (2013/2014). Qui, dal 28 luglio 1916 al 23 settembre 1968, visse e morì Padre Pio da Pietrelcina. Vico del Gargano. (Gemellata con Jettingen Baden-Württemberg) Il territorio comunale ha una escursione altimetrica (da 0 a 782 m s.l.m.), dalle alture submontane della Foresta Umbra, alle spiagge di San Menaio e Calenella. Il paesaggio nell’interno è tipico del bosco di faggi e di abeti, lungo la costa sono presenti foreste di pini d’aleppo (Pineta Marzini), con numerose e interessanti grotte anche marine.

La strada situata nel centro storico (vicino la Chiesa di San Giuseppe) è larga 50 cm. e lunga 30 metri, è luogo di incontro degli innamorati che il giorno di San Valentino si vedono nel vicolo che per la ristrettezza del passaggio sono costretti a “sfiorarsi”. Peschici il litorale è caratterizzato da numerose baie e cale, con sabbia estremamente fine, talvolta mista a ghiaia. Una presenza tipica della costa sono i Trabucchi che hanno un’architettura molto complessa, fatta di pali di legno che si intrecciano a fili e carrucole, essi sono uno strumento per la pesca del pesce di passaggio. Svariati Trabucchi sono diventati dei ristoranti dove si gusta il pesce dopo averlo pescato.

 

SALENTO

 

Lecce – Santa Maria di Leuca Km. 110
1 Lecce – Capitale del Barocco trova nel centro storico, il cui ingresso è da Porta Rudiae, lo splendore della scenografia del Duomo continuando si arriva a piazza S. Oronzo (santo patrono) da cui si può ammirare anche un anfiteatro Romano. Nei pressi il castello con il Museo della Cartapesta.
5 Otranto – Il punto più ad Oriente d’Italia, dà il nome al canale di mare che divide l’Italia dall’Albania. Centro messapico e romano, poi bizantino e successivamente aragonese si sviluppa intorno al castello ed alla cattedrale normanna. Sede Arcivescovile. Il borgo antico è riconosciuto dall’UNESCO.
Santa Maria di Leuca – Manduria km. 106
11 Porto Cesareo – La presenza di oltre 200 specie vegetali ha contribuito, nel 1997, ad istituire l’Area Naturale Marina Protetta di Porto Cesareo. I fondali, particolarmente ricchi e tipici dei mari caldi di ambienti sub-tropicali, ospitano nelle zone sabbiose la cosiddetta prateria sommersa di Posidonia oceanica, una rarità biologica che garantisce ossigeno, rifugio e nutrimento a numerosi organismi marini, e nelle aree rocciose il coralligeno multicolore. La fauna marina è costituita da crostacei, molluschi, pesci variopinti e tartarughe.

Manduria – Castellaneta Km 100
12 Manduria “Città dei Messapi” e del “Primitivo”. L’economia agricola ed in particolare produzione del vino DOC Primitivo (esportato in California per via del clima simile) e dell’olio DOP. Interessante il Museo della Civiltà del Vino Primitivo, ubicato all’interno della della Cantina Produttori Vini Manduria.

17 Castellaneta ha una vocazione turistica, grazie ad un paesaggio diversificato che va dal mare alla collina, ed un passato ricco di storia e di personaggi famosi, come il primo divo del cinema, Rodolfo Pietro Filiberto Raffaello Guglielmi, in arte Valentino nacque il 6 maggio 1895 a Castellaneta in quello stesso anno nasceva anche il Cinema. Rodolfo nel dicembre 1913 si imbarcò per l’America, lavorò come ballerino al Maxim’s Atlantic dove incontrò Norman Kerry che lo convinse ad andare ad Hollywood nel 1915 dove fece la comparsa sino al 1921 quando interpretò “I quattro cavalieri dell’Apocalisse” dove ballava il famoso tango insieme ad Alice Terry, fu il suo lancio nel cinema.

Castellaneta – Brindisi km 100 – 18 Martina Franca
Nota per l’architettura barocca e il festival musicale della Valle d’Itria 19 Locorotondo La festa religiosa del paese è quella di San Rocco – la festa inizia il 6 e termina il 17 agosto. Nota la Cantina Sociale di Locorotondo per la produzione di vini DOC.
20 Cisternino piccolo che spicca per la natura, il paesaggio, i trulli e l’architettura spontanea del centro storico. Le sagre più rinomate sono: ad agosto delle orecchiette e quella del coniglio; a settembre la sagra dell’uva. 21 Carovigno – Tradizione centenaria quella degli sbandieratori, specializzati nella battitura della ‘Nzegna, cioè lanciare in alto una bandiera multicolore, facendola roteare attorno al corpo. È di buon auspicio se la bandiera va in alto senza cadere per terra e il raccolto dell’anno venturo sarà buono. Da visitare il Castello Dentice di Frasso.
22 Brindisi di importante ruolo commerciale e culturale, dovuto alla sua fortunata posizione verso Oriente e al suo porto naturale, ancora esistente,
sul mar Adriatico. Brindisi è leader per la produzione di energia elettrica in Italia per la presenza di tre grandi centrali di Enel, Edipower ed EniPower. La città conserva importanti ritrovamenti archeologici e presenta una bella costa, soprattutto nel litorale nord, dove si trovano grandi dune e numerosi lidi e dalla quale, spesso, spuntano le torri di avvistamento. Nell’entroterra si possono ammirare le masserie fortificate o si possono scoprire i luoghi del vino (Appia dei vini) o dell’olio (olio Collina di Brindisi).